Cia in lutto per Oddino Bo

Riposa ora nel cimitero di Maranzana, dopo le celebrazioni del funerale in forma strettamente privata, Oddino Bo, mancato lunedì scorso all'età di 93 anni, già Presidente regionale della Cia Piemonte negli anni Ottanta.

Nato in una famiglia contadina, aveva fatto dell'agricoltura la sua attività principale, dedicandosi a questo con grande impegno. Fu anche eletto alla Camera dei Deputati dove rimase per due legislature, dal 1963 al 1972. Attivo nella vita politica dell'antifascismo, scrisse anche alcune pubblicazioni, tra cui “Ambiente e campagne nella guerra di liberazione”, “Sinistra e piccola proprietà: l'Associazione contadini astigiani”, “Democrazia e contadini in Italia nel XX secolo”, “Contadini e partigiani”. Membro del Comitato Nazionale Vini, ricevette la Medaglia di Cangrande al Vinitaly di Verona, quale benemerito della viticoltura in Italia.

Lo ricorda così Carlo Ricagni, direttore provinciale Cia Alessandria: “Oddino Bo era un uomo di grande eleganza nei modi, nel comportamento e nei toni. Aveva grandi e rare qualità. La Cia di Alessandria e i colleghi che lo hanno conosciuto sono vicini al dolore della famiglia”.

Oddino Bo lascia la moglie Stella Caviglia, il figlio Gianfranco e tre nipoti.