Turismo: cresce la domanda per agriturismi e b&b

Presenze turistiche in calo, nell'ultimo anno, in provincia di Alessandria. Ma il dato positivo, in controtendenza, è l'affermarsi della forza del settore extralberghiero, cioè relativo agli agriturismi e b&b, in espansione sul territorio e con un'offerta che attrae maggiormente i visitatori rispetto agli hotel.

Queste sono alcune delle considerazioni fatte a seguito della presentazione dell'indagine sui flussi turistici sul territorio, da parte della Provincia di Alessandria, report illustrato a Palazzo Ghilini lo scorso mercoledì a cura dei tecnici degli uffici preposti.

In termini generali, hanno spiegato in Provincia, il dato principale è la diminuzione del 2,14% per gli arrivi e del 4,09% delle presenze, rispetto all'anno precedente (2013).

Come tutte le statistiche è necessario andare oltre i numeri e analizzare le ragioni che portano ai risultati delle misurazioni. I posti letto degli alberghi, infatti, sono diminuiti; le strutture dell'extralberghiero sono passate invece da 445 a 473, con una crescita di opportunità distribuita omogeneamente sul territorio.

I tecnici di Palazzo Ghilini lamentano l'incertezza sul futuro riguardo le competenze e le attività affidate all'ente Provincia, in via di riforma (e abolizione). Fermi, per questo motivo, anche i corsi sulle professioni turistiche.

Il pubblico straniero cresce in Italia e in provincia con una grande presenza da parte dei Cinesi (più che raddoppiati negli ultimi anni), dei turisti del nord-Europa (Germani, Svizzera e della vicina Francia), ma si registra un leggero calo degli arrivi dalla Russia.

Commenta Samantha Repetto, presidente di Turismo Verde: “Secondo la nostra esperienza abbiamo notato come, il nostro, sia un turismo di passaggio, almeno in prima battuta: i nostri ospiti si fermano essendo di strada per altre mete, ma sempre più spesso succede che tornino con più giorni a disposizione per scoprire la nostra offerta e i nostri luoghi. Il nostro settore punta molto su quanto gli alberghi non possono offrire: contatto con il territorio, attività come passeggiate in bici, piscine estive, passeggiate nei vigneti e sempre tanta attenzione alla qualità e alla scelta delle portate in tavola”.