Difesa fitopatologica di fine inverno su fruttiferi. Cosa fare per rispettare il Regolamento CE 1698/2005 - P.S.R. Mis.214.1

Ecco le indicazioni sui trattamenti da fare su piante fruttifere nel rispetto del Regolamento CE 1698/2005 – misura 214.1 del PSR. a cura del tecnico Cia Vincenzo Raccone

Andamento meteorico dell’inverno2013-2014: precipitazioni ben superiori alle medie stagionali hanno da un lato impedito la normale esecuzione dei trattamenti nel periodo caduta foglie-ripresa vegetativa, dall’altro hanno posto le colture in condizioni di stress idrico da asfissia, a causa di drenaggio insufficiente.
Le temperature piuttosto miti, infine, non hanno consentito la normale stasi vegetativa invernale, né hanno costituito un naturale ostacolo all’insorgere delle infezioni fungine tipiche del periodo.

ALBICOCCO
fase fioritura
Date le condizioni meteo favorevoli non sono necessari interventi specifici.
CILIEGIO
fase gemma gonfia
Corineo
Prodotti rameici o tiram (es. Pomarsol 80WG 200gr/hl).
PESCO
fase bottoni rosa
Bolla: favorita da temperature tra i 3 ed i 15 °C e umidità relativa oltre il 50% l’intervento specifico è stato effettuato, seppur in ritardo, a inizi marzo con principio attivo Ziram-Tiram-Captano-Dodina.
Cancri rameali: nei pescheti colpiti si può intervenire entro prefioritura con tiofanate metil, (Enovit metil FL 90ml/hl). (il PSR concede due trattamenti anno tra post-raccolta e prefioritura, previa autorizzazione del tecnico).
Cocciniglie: in caso di infestazione intervenire a bottoni rosa con olio minerale + buprofezin oppure con pyriproxifen (vedi melo).
SUSINO
fase bottoni fiorali
Corineo tiram, (es Pomarsol 80WG) oppure Ziram (vari) due volte/anno massimo complessivi).
Cocciniglie: in caso di infestazione intervenire entro la prefioritura con olio minerale (500 ml/hl) + buprofezin (Applaud Plus 150g/hl). Deroga regionale recentissima ammette anche il principio attivo pyriproxifen, purchè il prodotto commerciale sia registrato su susino.

MELO
Alla ormai prossima fase di punte verdi avrà inizio la difesa da Ticchiolatura solo in previsione di precipitazioni imminenti.
Successivamente, fase orecchiette di topo-mazzetti, iniziare per tempo la lotta contro l’Oidio con un prodotto specifico: buprimate (Nimrod 60 gr/hl), quinoxyfen (Arius30 cc/hl), zolfo bagnabile (vari), distanziati di almeno 10 gg da trattamento con olio minerale.
Cocciniglia S.Josè: in caso di infestazione trattare in questa fase con Olio minerale (vari, 3 kg/hl, attivo anche contro uova di afidi e di acari). In alternativa sarà possibile intervenire in fase mazzetti affioranti-bottoni rosa con Olio minerale + buprofezin (olio 500cc/hl + Applaud plus 150 cc/hl), oppure con principio attivo pyriproxifen (es. Juvinal- Lascar).
PERO
fase apertura gemme
Nei pereti danneggiati da Eriofide vescicoloso, dove non si sia intervenuti a gemma ferma con olio minerale + zolfo (Polithiol) o con proteinato di zolfo (Sulfar) si può trattare ora con abamectina (VertimecPro 75 ml/hl).
Cocciniglia S.Josè: vedi melo.

NOVITA’ 2014
Aficidi neonicotinoidi: principio attivo imidacloprid (es. Confidor, ecc.), principio attivo tiametoxan (Actara), principio attivo clotianidin (Dantop 50WG,ecc) sono impiegabili su fruttiferi SOLO in post-fioritura..