Alessandro Bonelli confermato presidente della Cia zonale di Acqui Terme

Martedì scorso, 26 novembre, ad Acqui Terme, con lo svolgimento della prima assemblea territoriale, si sono avviati i lavori che determineranno il rinnovo del gruppo dirigente della nostra organizzazione.

Danni da selvaggina e in particolare da ungulati, le novità che verranno introdotte dalla PAC, il nuovo PSR e gli aspetti fiscali non ancora troppo chiari per il prossimo anno sono stati tra gli argomenti di discussione dell’assemblea, unitamente a quelli che sono gli impegni che la Cia porterà avanti a livello sindacale.

Al termine dei lavori Alessandro Bonelli è stato rieletto Presidente della zona di Acqui Terme, e il rinnovato Consiglio di Zona è composto da venti produttori che rappresentano la diversificata agricoltura dell’acquese.
Insieme a Bonelli per i prossimi quattro anni la Cia sarà diretta da:
Boccaccio Alessandro di Rivalta Bormida
Bono Fabrizio di Alice Bel Colle
Cottali Cinzia di Bistagno
Fallabrino Giancarlo di Ricaldone
Ferrando Daniela di Acqui Terme
Fortunato Bruno di Cassine
Giachero Enrico di Rivalta Bormida
Giaminardi Mario di Cartosio
Mignone Marco di Castelletto d’Erro
Mura Giuseppe di Strevi
Porta Maria di Ricaldone
Prando Angelo di Acqui Terme
Quadrone Giovanni di Cassine
Roggero Luca di Grognardo
Sobrino Maurizio di Acqui Terme
Tardito Fabio di Bistagno
Trinchero Piero Giovanni di Bistagno
Ulivi Tiziano di Cassine.
All’assemblea, che si è tenuta a Palazzo Robellini, erano presenti il Presidente, Carlo Ricagni, il Vice Presidente, Gian Piero Ameglio, e il Direttore, Giuseppe Botto.