Libera e la rete di aiuto

L'associazione Libera presenta LINEA LIBERA, strumento presentato nel 2019 e rilanciato in queste ultime settimane di fronte al concreto rischio di episodi di corruzione, infiltrazioni mafiose e reati di usura ed estorsione in danno di cittadini, famiglie, imprese colpiti dalla crisi economico-sociale conseguente all’emergenza “Covid 19”.
Le mafie non osservano la quarantena”: da questa osservazione è partita LIBERA per rilanciare uno strumento rivolto a chi assiste ad episodi “opachi”, condotte corruttive o di stampo mafioso ed a chi è vittima di comportamenti illegali come estorsione ed usura.
In questa fase di profonda crisi che coinvolge famiglie ed imprese, le organizzazioni criminali hanno l’opportunità (che già stanno cogliendo, anche al Nord) di intervenire pesantemente nell’economia, offrendo aiuto finanziario alle imprese in difficoltà, aiuto materiale alle famiglie ed ai cittadini “abbandonati” dallo Stato, ma anche assicurandosi appalti per forniture di materiali e/o servizi allo Stato, ai Comuni, alla Protezione Civile ed alle Aziende Sanitarie, approfittando dell’allentamento delle regole e dei controlli che una rapida risposta all’emergenza sembra richiedere.
L’allarme è stato lanciato già alcune settimane fa dal Procuratore Nazionale Antimafia dott.Cafiero De Raho e ripreso da altri magistrati, investigatori, e da molti studiosi dei fenomeni criminali.
LINEA LIBERA non si pone l’obiettivo di sostituirsi all’attività delle Forze dell’Ordine e della Magistratura ma solo di fornire informazioni, orientamento, sostegno al cittadino, accompagnandolo se del caso alla denuncia ed al successivo iter giudiziario.
LIBERA  da 25 anni mobilita una vasta rete di Associazioni, Scuole, Università e cittadini nell’impegno contro tutte le mafie, impegno che ha le sue radici nella MEMORIA delle vittime innocenti e si traduce in migliaia di iniziative sui singoli territori, in particolare dirette alla FORMAZIONE, all’EDUCAZIONE ALLA LEGALITA’ ed alla CITTADINANZA, all’USO SOCIALE DEI BENI CONFISCATI, senza dimenticare il sostegno dato ai FAMIGLIARI delle vittime ed ai TESTIMONI DI GIUSTIZIA.
LINEA LIBERA si inserisce in questa cornice, offrendo ascolto ed attenzione a chi è vittima o testimone di reati o comportamenti “opachi” e non ha il coraggio o la forza di denunciare, temendo soprattutto di ritrovarsi isolato e quindi più vulnerabile.
Per qualunque chiarimento o ulteriori informazioni, si prega di contattare la sottoscritta o la Segreteria di Libera Piemonte (mail: info@segreteria.liberapiemonte.it).
La referente provinciale; Avv.Paola Sultana - Tel.0143 80286  Studio – 335 5227456  - paolasultana@gmail.com