Bando per il finanziamento di progetti sulla prevenzione e sicurezza sui luoghi di lavoro in aziende agricole

Premessa
L’Ente Bilaterale Agricolo Nazionale, di seguito EBAN, è stato costituito il 19 maggio 2011 dalle parti sociali firmatarie del “Contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti” Confagricoltura, Coldiretti, CIA, FLAI-CGIL, UILA-UIL, FAI-CISL ai sensi degli artt. 6 e 7 del predetto CCNL siglato in data 22 ottobre 2014.
Trai suoi scopi rientra la promozione e la tutela della salute e sicurezza degli operai agricoli.
Il presente bando ha la finalità di finanziare lo svolgimento di attività formative obbligatorie ai sensi del D.Lgs 81/2008, suoi allegati e successive modifiche e integrazioni, dell'accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 e relative norme attuative, del Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (revisione settembre 2015).
Beneficiari
I beneficiari degli interventi ammessi a presentare domanda di finanziamento sono le imprese agricole, costituite con qualsiasi forma giuridica prevista, che applicano il Contratto collettivo nazionale di lavoro richiamato in premessa, in regola con i versamenti obbligatori di legge e con quelli a Eban per gli anni di competenza 2018 e precedenti e che siano iscritte all’Ente e regolarmente versanti da almeno 18 mesi alla data di pubblicazione del presente bando (non sono quindi ammesse, ad esempio, le aziende neo costituite che non siano iscritte ad EBAN da almeno 18 mesi).
Possono presentare richiesta di finanziamento le imprese agricole presenti su tutto il territorio nazionale italiano.
Destinatari
Possono essere destinatari delle attività:
• dipendenti a tempo indeterminato;
• dipendenti a tempo determinato;
• apprendisti;
• titolari delle imprese e coadiuvanti.
 
La formazione deve coinvolgere soggetti a cui si applica il citato Contratto collettivo nazionale di lavoro per gli operai agricoli e florovivaisti.
 
Progetti ammissibili
I progetti ammessi a contributo possono avere le seguenti caratteristiche:
Aziendali - progetti che interessano un solo beneficiario - azienda singola;
Gruppi Aziendali/Contratto di rete – progetti che interessano aziende appartenenti allo stesso gruppo di impresa, ai sensi dell'articolo 2359 del codice civile, o aziende legate da un contratto di rete (relativamente ai dipendenti delle sole imprese agricole);
Territoriali - progetti che interessano più beneficiari che operano in uno stesso ambito geografico e/o amministrativo. Per questa tipologia di progetti è necessario che le attività siano gestite da un soggetto attuatore (Ente o Agenzia formativa con personalità giuridica) con le caratteristiche specificate nel successivo paragrafo “Requisiti dei soggetti formatori”.
 
Il Progetto può essere costituito da uno o più parti, che dovranno essere specificate e descritte secondo quanto previsto nel formulario di presentazione, accessibile sul sito web di EBAN www.enteeban.it, nel rispetto di linee coerenti con le indicazioni del presente Bando.
I progetti approvati e finanziati potranno essere modificati in corso d’opera per esigenze aziendali od organizzative su richiesta adeguatamente motivata, ad insindacabile giudizio del Comitato di Gestione di EBAN. In ogni caso le richieste di modifica non possono comportare l’aumento del finanziamento concesso.
Il progetto dovrà essere sempre accompagnato da un accordo firmato da almeno due delle parti sociali costitutive di EBAN (una di parte datoriale e una di parte sindacale), anche a livello di articolazioni territoriali. Per i Piani aziendali, per quelli di Gruppo e per quelli presentati da aziende legate da un contratto di rete, l’accordo si intende valido anche con le sole firme del rappresentante legale del beneficiario e di almeno un rappresentante sindacale aziendale quale espressione territoriale delle Organizzazioni Sindacali firmatarie del CCNL in premessa.
Non sono finanziabili gli interventi formativi per i quali le aziende beneficiarie abbiano già ricevuto o siano in procinto di ricevere finanziamenti, anche parziali, da parte di Fondi Interprofessionali, Enti bilaterali/Casse extra-legem, Enti pubblici.
Requisiti dei soggetti formatori
I soggetti formatori (cioè coloro che erogheranno la formazione) devono possedere i requisiti per svolgere la formazione in materia di sicurezza e salute sul lavoro, indicati nell'accordo Stato-Regioni del 22/02/2012 e relativi provvedimenti attuativi e dal Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (revisione settembre 2015), e rilasciare la relativa certificazione.
Alla presentazione del progetto dovrà essere prodotto lo specifico documento di abilitazione.
Anche nel caso di presentazione dei progetti da parte di Enti o Agenzie formative, andrà prodotto lo specifico documento di abilitazione dei formatori coinvolti.
Risorse a disposizione
Le risorse stanziate per finanziare i progetti di cui al presente Bando sono pari a euro 750.000,00 (settecentocinquantamila/00).
Il Comitato di Gestione di Eban può deliberare la modifica delle risorse stanziate per il presente Avviso e la loro ripartizione.
In caso di ammissione a contributo, i referenti e titolari del finanziamento EBAN sono:
• per i progetti aziendali: l’azienda agricola beneficiaria o l’Ente o Agenzia formativa con personalità giuridica con le caratteristiche specificate nel paragrafo “Requisiti dei soggetti formatori”;
 
• per i progetti presentati da gruppi aziendali o da aziende legate da un contratto di rete: l’azienda capogruppo indicata nel progetto presentato o l’Ente o Agenzia formativa con personalità giuridica con le caratteristiche specificate nel paragrafo “Requisiti dei soggetti formatori”;
 
• per i progetti territoriali: un Ente o un'Agenzia formativa con personalità giuridica con le caratteristiche specificate nel paragrafo “Requisiti dei soggetti formatori”.
 
Qualora i referenti e titolari del finanziamento siano soggetti diversi dai beneficiari, essi devono essere delegati da tutti i beneficiari del progetto.
In caso di aggiudicazione del finanziamento, prima dell’avvio delle attività il titolare del finanziamento dovrà sottoscrivere la convenzione che regola i rapporti con EBAN (cfr. il paragrafo "Modalità di finanziamento dei piani").
Ripartizione territoriale delle risorse
Le risorse messe disposizione per il presente bando, sono ripartite territorialmente nel seguente modo:
AREA 1 - NORD (Valle D’Aosta – Piemonte – Lombardia – Liguria – Veneto – Trento – Bolzano – Friuli Venezia Giulia): 30 per cento del totale;
AREA 2 - CENTRO (Emilia Romagna – Marche – Toscana – Umbria – Abruzzo – Lazio – Sardegna): 30 per cento del totale;
AREA 3 - SUD (Campania – Calabria – Puglia – Basilicata – Molise – Sicilia): 40 per cento del totale.
Qualora le risorse assegnate a ciascuna area non fossero completamente utilizzate, i residui saranno riassegnati, in proporzione, alle altre aree.
 
Massimali di contributo per ogni singolo progetto
Per ogni attività prevista all’interno dei progetti, EBAN riconoscerà:
•                    • 40 €/ora per allievo nel caso di attività da 1 a 6 partecipanti
•                    • 35 €/ora per allievo nel caso di attività da 7 a 12 partecipanti
•                    • 30 €/ora per allievo nel caso di attività da 13 a 24 partecipanti
 
Il costo ora/allievo sopra riportato si intende forfetario e onnicomprensivo. e attività proposte nei progetti dovranno prevedere il numero di ore stabilito per ogni attività formativa contemplata dalle norme applicative del D.lgs 81/2008 e dell'accordo Stato-Regioni del 22/02/2012, nonché dal Testo Unico sulla Salute e Sicurezza sul Lavoro (revisione settembre 2015).
 
Il contributo di EBAN si intende fuori dal campo di applicazione dell’IVA.
 
L’importo di ogni singolo progetto non potrà superare i massimali indicati nella seguente tabella: Piani aziendali per datori di lavoro con meno di 5.000 giornate di lavoro dichiarate nel DMAG nell'anno 2018 e in regola con i versamenti obbligatori di legge e con quelli a Eban per gli anni di competenza 2018 e precedenti e che siano iscritte all’Ente e regolarmente versanti da almeno 18 mesi alla data di pubblicazione del presente bando. € 5.000,00
 
Piani aziendali per datori di lavoro con almeno 5.000 giornate di lavoro dichiarate nel DMAG nell'anno 2018, gruppi aziendali, aziende legate da un contratto di rete e in regola con i versamenti obbligatori di legge e con quelli a Eban per gli anni di competenza 2018 e precedenti e che siano iscritte all’Ente e regolarmente versanti da almeno 18 mesi alla data di pubblicazione del presente bando.
 
€ 15.000,00
Piani territoriali in cui le aziende partecipanti siano in regola con i versamenti obbligatori di legge e con quelli a Eban per gli anni di competenza 2018 e precedenti e che siano iscritte all’Ente e regolarmente versanti da almeno 18 mesi alla data di pubblicazione del presente bando. € 15.000,00
 
Ogni impresa agricola può richiedere solo un finanziamento e può partecipare solo ad un progetto.
I gruppi aziendali, le aziende legate da un contratto di rete e i piani territoriali presentati dagli Enti o Agenzie formative non possono ricevere finanziamenti complessivi superiori a euro 30.000,00. Nel caso in cui venissero presentati progetti che complessivamente superano tali soglie, verranno ammessi a finanziamento i progetti pervenuti prima, secondo l’ordine cronologico, e fino alla concorrenza del predetto limite di euro 30.000,00.
Gli Enti e le Agenzie formative possono presentare progetti per un valore complessivo non superiore a euro 30.000,00.
Modalità di presentazione, documentazione, termini per la presentazione dei piani
La richiesta del contributo da parte del referente/titolare del finanziamento (come indicato nel precedente paragrafo “Risorse a disposizione”) deve essere compilata seguendo lo schema (richiesta di contributo) reperibile sul sito www.enteeban.it e deve essere corredata da:
• formulario di presentazione secondo lo schema reperibile sul sito www.enteeban.it
 
• accordo sottoscritto dalle Parti sociali secondo lo schema reperibile sul sito www.enteeban.it;
 
• documento di abilitazione del soggetto che erogherà la formazione, ai sensi della normativa vigente;
 
• copia del documento di identità del legale rappresentante del soggetto referente.
 
Le richieste di finanziamento devono essere inviate con posta elettronica certificata all'indirizzo enteeban@pec.it a partire dalle ore 9:00 del 16 luglio 2019 e fino alle ore 18:00 del 31 luglio 2019. Al messaggio di posta elettronica - con oggetto "Istanza di finanziamento Area 1 (ovvero 2 o 3, in base alla macro-area di riferimento)" - deve essere allegata esclusivamente la richiesta di contributo.
La restante documentazione (formulario di presentazione, accordo sindacale, documento di abilitazione del formatore, copia del documento di identità del referente) deve essere inviata in formato cartaceo, con raccomandata con ricevuta di ritorno, presso la sede di EBAN (Via Flavia 3 - 00187 Roma), entro le ore 18:00 del 20 settembre 2019.
 
Trascorsi i predetti termini non saranno accettate richieste di finanziamento.