Elezioni regionali: Cirio e l'agricoltura

Incontro elettorale con il candidato alla presidenza regionale Alberto Cirio, esponente di Forza Italia, all’hotel Alli Due Buoi Rossi di Alessandria. Al tavolo dei relatori, le Associazioni agricole provinciali e il senatore Massimo Berutti, facilitatore dell’icontro. La Cia era rappresentata al tavolo dal presidente Gian Piero Ameglio. In sala, anche il direttore Carlo Ricagni, il direttore di Area Paolo Viarenghi, la presidente Turismo Verde Piemonte Simona Gaviati e alcuni funzionari.
Cirio, anche produttore di nocciole ad Alba, ha parlato di impresa e burocrazia (“la burocrazia fa più morti che la crisi”), sanità (“necessario riorganizzare il comparto garantendo il diritto alla salute, i tempi di attesa sono troppo elevati”) e agricoltura (“gli agricoltori sono soggetti alle misure del PSR piuttosto che alle libere scelte individuali”).
Il mondo agricolo ha presentato al candidato i problemi più contingenti del settore alessandrino, tra cui: fauna selvatica e danni da selvaggina, legge regionale sulla caccia, mal funzionamento di Arpea, assicurazione per le zone golenali, gestione delle aree marginali e montane.
Infine è stata evidenziata la mancanza di un rappresentante alessandrino nell’attuale giunta regionale e i presidenti delle Associazioni auspicano che questa non si ripeta più nella prossima legislatura.