Anabio e Agia per "Global Strike for future"

Anche in provincia di Alessandria si sono svolti, oggi, cortei di studenti e manifestazioni pacifiche per richiamare l'attenzione dei potenti sul clima, nell'ambito della giornata "Strike4Climate", manifestazione che sostiene la battaglia in difesa del clima dell'attivista 16enne svedese Greta Thunberg. 
Ad aderire è anche la Cia, con Agia - Associazione Giovani Imprenditori Agricoli e Anabio, l’Associazione dei produttori biologici e biodinamici, al “Global Strike for Future”, per chiedere azioni concrete contro i cambiamenti climatici e per la salvaguardia dell’ambiente e la mitigazione del surriscaldamento globale.
“Sottolineiamo il merito della giovanissima Greta Thunberg che, il 14 dicembre scorso, con il suo discorso alla Conferenza delle Nazioni Unite sui cambiamenti climatici a Katowice, ha efficacemente scosso le coscienze contribuendo a dare il via al nuovo grande movimento internazionale Fridays for Future" dichiara il presidente nazionale di Anabio, Federico Marchini.
Ad aderire allo Sciopero globale per il Clima, ricorda Anabio-Cia, sono stati in principio gli studenti, quindi si sono aggiunti scienziati, associazioni, istituti ed enti, semplici cittadini, tutti preoccupati dal riscaldamento globale e intenzionati a far cambiare rotta alle politiche deludenti dei governi.
In questo senso, spiega Marchini, “l’agricoltura biologica è una delle strade da seguire, rappresentando un nuovo paradigma produttivo basato sull’economia circolare e digitale. Nell’ambito dell’Agenda 2030 dell’Onu, ben 13 su 17 Obiettivi per lo Sviluppo Sostenibile investono il settore primario e, più specificatamente, il modello di produzione biologica. Le tecniche agricole sostenibili, infatti, garantiscono produttività duratura, accrescono la fertilità dei suoli, salvaguardano la biodiversità. E soprattutto mitigano l’effetto serra, producono energie rinnovabili e hanno un ruolo primario nell’assorbimento di anidride carbonica”.
Con l’impegno e il sostegno dei giovani e della comunità scientifica, conclude il presidente di Anabio-Cia, “possiamo arrivare alla piena affermazione dell’agricoltura biologica, contribuendo a imprimere una svolta per interrompere e invertire il ciclo del riscaldamento climatico. Diversamente, si produrrebbero situazioni irreversibili per il futuro del pianeta”.
L'agricoltura appoggia la manifestazione dei giovani in tutto il mondo, è il momento di prendere coscienza e impostare oggi il futuro migliore per i nostri ragazzi.

(foto Ansa)