Consorzio Tutela Gavi: Roberto Ghio nuovo presidente

Il Consiglio di amministrazione del Consorzio Tutela del Gavi ha scelto il nuovo presidente: è il produttore Roberto Ghio. Classe 1977, dopo la Laurea in Filosofia del 2002 decide di dedicarsi a tempo pieno all'azienda di famiglia. Settima generazione di viticoltori, a Bosio già da fine ‘800, Roberto Ghio ha dato vita al progetto Vigneti Piemontemare, recuperando e acquistando alcuni vigneti storici che oggi compongono i 15 ettari vitati della sua azienda agricola.
Roberto Ghio presiederà il Consiglio di amministrazione nominato alla fine di aprile così composto: Dario Bergaglio,
La Chiara, Fulvio Bergaglio San Bartolomeo, Roberto Broglia Broglia, Giancarlo Cazzulo Cantina Produttori del Gavi, Alberto Lazzarino Banfi, Claudio Manera Araldica Castelvero, Massimo Marasso F.lli Martini, Gianni Enrico Martini F.lli Martini, Stefano Moccagatta Villa Sparina, Gianlorenzo Picollo Picollo Ernesto, Francesca Rosina La Mesma, Gian Franco Semino Cantina Produttori del Gavi. Il nuovo CDA ha incaricato alla vice presidenza per il prossimo triennio Massimo Marasso e Dario Bergaglio e ha ringraziato per il lavoro svolto il presidente uscente Maurizio Montobbio a cui è stato riconosciuto: il forte impegno, la grande umanità e di aver guidato con massima lungimiranza il Consorzio Tutela del Gavi verso obiettivi di sviluppo territoriale condivisi da tutta la Denominazione”. La denominazione del Gavi DOCG oggi comprende una superficie totale di circa 1500 ettari, conta circa 440 aziende tra produttori, vinificatori e imbottigliatori di cui 193 soci del Consorzio, impiega 5000 persone nell’intera filiera per un totale di circa 60 mln di fatturato ai distributori (on trade).
Commenta
Carlo Ricagni, direttore provinciale Cia Alessandria: “Ci fa piacere che il Cda abbia individuato quale nuovo presidente un giovane produttore con forte propensione imprenditoriale. Inoltre, la storica azienda della famiglia Ghio si è affermata in una delle aree più difficili della viticoltura del Gaviese e per questo potrà dare al Consorzio un punto di vista differente per lo sviluppo del Gavi. Un particolare ringraziamento a Maurizio Montobbio, presidente uscente che ha svolto un ottimo lavoro sul territorio”.