Dodici australiani in visita a Sarezzano

Visite da oltreoceano per Dario Capogrosso, titolare de Il Pastore Transumante a Sarezzano, allevamento di Pastori Maremmani Abruzzesi. Dodici australiani hanno fatto tappa, nell'ambito di un viaggio di dieci giorni in Italia, nell'azienda associata Cia vincitrice del riconoscimento Bandiera Verde Agricoltura 2016 per conoscere l'attività svolta e i progetti in corso. Si chiamano Jean, Allen, Elirose, Melissa, Greg, Bronwin, Ellie, John, Jakinta, Geoffrey, Tony, Linda e sono a loro volta allevatori di cani da pastore e appassionati cinofili.
Provenienti da Victoria, lo Stato federato a sud ovest dell'Australia, gli ospiti si sono trattenuti una giornata a Sarezzano, dopo essere stati a Venezia e Milano e prima di partire per il centro Italia. Spiega Jean Purcell, sul viaggio in Italia: "Nelle nostre attività agricole in Australia abbiamo molti problemi legati alla presenza di volpi e dingo che fanno razzia dei capi di bestiame al pascolo. Abbiamo bisogno di cani di grossa taglia come i Pastori Maremmani Abruzzesi, ottimo deterrente e valido strumento di contrasto, ma siamo all'inizio di questa fase e abbiamo molto da imparare. Per questo siamo in allevamento da Capogrosso".
Commenta Capogrosso: "Ho mostrato la mia attività e parlato con i colleghi allevatori del  comportamento dei cani, con scambi scientifici sul tipo di allevamento, la selezione, la dominanza dei maschi, il problema della fauna selvatica. I cani supportano l'attività agricola che in Australia si basa in larga parte su pecore e maiali. I problemi sono simili, da un capo all'altro del mondo!".
Conclude Gian Piero Ameglio, presidente provinciale Cia Alessandria: "Il Pastore Transumante conferma di essere un punto di riferimento mondiale per il settore cinofilo e la guardiania in agricoltura. La visita degli allevatori australiani conferisce lustro anche al territorio, promosso dalla nostra Organizzazione anche attraverso la webserie realizzata da Cia insieme a Capogrosso, visibile sul canale Youtube Cia Alessandria e sul sito www.ciaal.it".