La VII Assemblea elettiva nazionale Cia-Agricoltori Italiani

Le trasformazioni che hanno caratterizzato il processo socio-economico degli ultimi anni sono state straordinariamente importanti e rapide. I cambiamenti climatici, la crescita della domanda alimentare, la scarsità di risorse naturali rappresentano grandi temi rispetto ai quali il ruolo dell’agricoltura è diventato sempre più strategico.
E’ necessario produrre di più e meglio, inquinando meno, per garantire sia la sostenibilità ambientale sia la sostenibilità economica delle imprese agricole. Per rispondere a queste sfide globali, l’innovazione è un elemento sempre più determinante per il futuro del settore e della società.
Innovazione digitale attraverso la ricerca, con tecniche produttive migliori e riciclo di risorse per ridurre le emissioni, ICT e biotecnologie. Innovazione organizzativa per ottimizzare la competitività accorciando le filiere, con la creazione di sistemi locali di produzione legati al territorio. Innovazione sociale tramite lo sviluppo di nuovi canali di vendita diretta, mercati di prossimità, nuove forme di distribuzione e di consumo e agricoltura sociale inclusiva.
Di qui la scelta dello slogan Innovare per un futuro sostenibile per la VII Assemblea elettiva di Cia-Agricoltori Italiani il 21 e 22 febbraio a Roma, presso l’Auditorium della Tecnica in Viale Umberto Tupini. Saranno presenti, insieme alla delegazione piemontese, il presidente provinciale Gian Piero Ameglio, il vice Massimo Ponta, la presidente di Zona Cia Acqui Terme Daniela Ferrando, il presidente provinciale ANP Vittorio Tallone, il direttore provinciale Carlo Ricagni, il vicedirettore Germano Patrucco, la referente provinciale Donne in Campo Caterina Pecoraro e la responsabile Ufficio stampa provinciale Genny Notarianni.
Tanti gli ospiti istituzionali, dai rappresentanti della politica al mondo dell’imprenditoria, che si alterneranno sul palco con il presidente nazionale di Cia Dino Scanavino.