Legge 47/2017 sui tutori volontari di minori stranieri non accompagnati (pubbl. 31.07.17)

E' al via la macchina operativa per diventare tutore volontario di un minore straniero non accompagnato in applicazione della legge 47/2017.
Queste le regioni già operative: Lazio, Campania, Liguria, Provincia autonoma di Bolzano, Lombardia, Umbria, Piemonte, Valle d'Aosta,Toscana, Sardegna, Abruzzo e Molise nelle quali i garanti per l’infanzia regionali (o in alternativa l’Autorità Garante nazionale) hanno stretto accordi con i tribunali dei minori e hanno già pubblicato l’avviso per raccogliere le disponibilità dei cittadini a diventare tutori volontari, dopo la frequentazione di un corso apposito.
“Una figura importantissima quella del tutore volontario - ha spiegato l’Autorità garante per l’infanzia e l’adolescenza Filomena Albano - che si pone l’obiettivo di incarnare una nuova idea di tutela legale: non solo rappresentanza giuridica ma figura attenta alla relazione con i bambini e i ragazzi che vivono nel nostro paese senza adulti di riferimento, capace di farsi carico dei loro problemi ma anche di farsi interprete dei loro bisogni e garante dei loro diritti. Privati cittadini, adeguatamente selezionati e formati e guidati dalla volontà di vivere una nuova forma di genitorialità sociale e di cittadinanza attiva”
ASeS–Agricoltori Solidarietà e Sviluppo l’organizzazione non profit di riferimento della Cia che fin dal 1975 si occupa di cooperazione allo sviluppo nelle sue molteplici forme, ivi incluse azioni di inclusione sociale dei migranti,ci ha segnalato questa interessante opportunità. 
Questi i link del sito dell’Autorità Garante dell’infanzia e adolescenza per scaricare le ‘Linee guida’, il Protocollo d’intesa e i moduli formativi: (Ctrl+click)  http://www.garanteinfanzia.org/news/nuovo-ruolo-l%E2%80%99autorit%C3%A0-garante-l%E2%80%99infanzia-e-l%E2%80%99adolescenza-pronte-le-linee-guida-la-selezione-la
E per la Rete dei Garanti Regionali:
http://www.garanteinfanzia.org/rete-garanti