Giacomo Boveri, Valli Unite e Daniele Saccoletto premiati al Castello di Grinzane (pubbl. 09.05.17)

Gli associati Cia Giacomo Boveri, la cooperativa Valli Unite (entrambe di Costa Vescovato) e Daniele Saccoletto (San Giorgio Monferrato) sono stati premiati al Castello di Grinzane nell'ambito della manifestazione annuale "Langhe-Roero e Monferrato: onde di bellezza e geometrie coltive nei paesaggi e nei paesi del vino", quarta edizione, lo scorso 7 maggio.
L'Enoteca Regionale Piemontese Cavour, che ha sede nel sito Unesco del castello di Grinzane Cavour (CN) si è fatta da subito interprete di un'iniziativa annuale, volta a rimarcare l'importanza di questo prestigioso riconoscimento, considerandolo non solo un prestigioso traguardo, ma soprattutto uno stimolo per una ripartenza verso nuovi obiettivi sul percorso della qualità.
La quarta edizione ha omaggiato la rinascita della viticoltura del Tokaj ungherese nella persona di Istvan Szepsy, conservatore dell'antica civiltà della vite e del vino del Tokaj, quasi cancellata dalla dominazione sovietica.
La cerimonia ha riservato anche il riconoscimento ai viticoltori e alle Amministrazioni comunali che insieme curano i più bei versanti collinari viticoli del nostro territorio: tra loro, anche Cornalasca, Moscato, Monferrato e Tortonese. Tra le motivazioni si legge: "Per l'attenzione estetica dedicata alla valorizzazione del paesaggio vitivinicolo di Langhe - Roero e Monferrato attraverso un senso etico del lavoro, concretizzato nella cura del versante collinare. Per l'importante contributo dato alla costruzione di un paesaggio viticolo  oggi riconosciuto come patrimonio dell'Umanità".
Per la Cia era presente anche Gabriele Carenini, presidente di Zona di Casale Monferrato e vicepresidente regionale Cia Piemonte, che commenta: "E' una soddisfazione per la Cia assistere al successo dei nostri imprenditori associati, che contribuiscono alla tutela e alla bellezza del paesaggio alessandrino. Il mondo dell'agricoltura è valorizzato attraverso l'attività di tutti i produttori, veri promotori del territorio, che caratterizzano con il loro saper fare la bellezza del paesaggio Unesco".