“Coltiviamo il buon grano di qualità”, incontro coi produttori (pubbl. 03.03.17)

I produttori aderenti all’iniziativa “Coltiviamo il Buon Grano di Qualità” questa mattina si sono incontrati ad Alessandria presso il Centogrigio, per approfondire gli aspetti agronomici legati alla produzione del frumento nella provincia di Alessandria.

L’incontro è stato organizzato dalla Cia di Alessandria insieme a Confagricoltura e alle Cooperative Produttori Mais di Alessandria, Settevie e Centro Agricolo San Michele.

L'iniziativa è realizzare una filiera interamente provinciale volta a valorizzare il frumento tenero di forza è nata la scorsa estate in risposta alla crisi di mercato del frumento tenero. “Con questa iniziativa non ci illudiamo di risolvere i problemi del mercato del frumento - hanno commentato i presidenti delle Organizzazioni Gian Piero Ameglio e Luca Brondelli - Per valorizzare le nostre produzioni non dobbiamo continuare a produrre le stesse categorie di grano che tutti al mondo possono ottenere; con coraggio le Cooperative e le nostre Associazioni hanno proposto la produzione dei grani di forza delle varietà Bologna, Rebelde e Forcali per cercare di ritagliarci una fetta di mercato e di realizzare una filiera che possa contribuire a alleggerire le condizioni economiche delle aziende che con lo stesso coraggio hanno aderito all’iniziativa”.

Dalla provocazione della scorsa estate che ci ha fatto dichiarare che non avremmo più prodotto il grano, siamo passati a una fase propositiva; siamo partiti da veri imprenditori che amano il loro lavoro e intendono raggiungere gli obiettivi che si sono posti”.

Sul versante tecnico: gli interventi di Fiorenzo Pasquali di Yara Italia, che ha delineato le migliori tecniche di fertilizzazione per poter produrre grani di forza dall’elevato tenore proteico e dalla spiccata attitudine panificatoria che i frumenti di forza devono ottenere; Maurizio Gerlero di Basf Italia che ha trattato della difesa della coltura dalle malattie che possono danneggiare i grani sia sotto il profilo produttivo che tecnologico.

Dopo un animato dibattito, ha concluso i lavori Carlo Ricagni, presidente della Commissione prezzi della Borsa Merci di Alessandria (e direttore Cia Alessandria), che ha auspicato che all’iniziativa aderiscano altre cooperative della nostra provincia per poter raggiungere masse critiche importanti: “La CCIAA di Alessandria è la casa degli imprenditori e non può che favorevolmente appoggiare le decisioni degli imprenditori agricoli che intendono portare migliori condizioni economiche alle loro aziende”.