Grano: dalla protesta alla proposta (pubbl. 05.09.16)

Le tre Cooperative "Produttori Mais", "Settevie" e "Centro Agricolo San Michele" insieme a Cia e Confagricoltura della provincia di Alessandria hanno deciso di far fronte comune per dare il proprio diretto contributo alla mitigazione nella nostra provincia della crisi del grano.
E' stato quindi messo in campo il progetto "Coltiviamo il buon grano di qualità" che intende produrre masse critiche e omogenee di frumento tenero da commercializzare in forma coordinata.
Per raggiungere questo obiettivo occorre adottare una tecnica colturale che consenta il raggiungimento delle caratteristiche merceologiche basilari per ogni contratto agroindustriale.
Per realizzare il progetto "Coltiviamo il buon grano di qualità" le Cooperative hanno identificato tre varietà panificabili superiori/di forza: Bologna, Rebelde e Forcali: Bologna è il grano di riferimento, conosciuto e apprezzata; Rebelde è una varietà emergente che quest’anno ha dato buoni risultati; Forcali è un frumento di nuovissima costituzione che dalle prime coltivazioni risulta essere piuttosto interessante sia sotto il profilo produttivo che qualitativo; tra le tre varietà proposte è quella da affiancare, in prova, alle due più conosciute. Si tratta di varietà che forniscono le migliori produzioni nelle aree più fertili e vocate: non possono essere coltivate in ogni ambiente, ma sono state scelte per le loro attitudini a produrre farine della qualità richiesta dal mercato. Condizione inderogabile per aderire all’iniziativa è l’utilizzo di seme certificato: la risemina di grano di produzione aziendale non è assolutamente ammessa. Questa scelta è estremamente importante perchè consente un’ottimale partenza della coltura e assicura la tracciabilità della produzione che nel caso del progetto "Coltiviamo il buon grano di qualità" è fondamentale per ottenere quelle produzioni in quantità e qualità merceologica che le tre cooperative vogliono raggiungere.
Per approfondimenti e contatti, rivolgersi ai tecnici della Cia Fabrizio Bullano (345/4529475), Valentina Natali (0131/236225 interno 3), Filippo Gatti (345/4529786).