Cereali: il punto

Presupposti favorevoli per una buona annata per il comparto dei cereali: assenza di malattie in corso, stato vegetativo delle colture ottimo. Più nel dettaglio, per gli interventi utili in campo, segue l'analisi di Valentina Natali, tecnico della Cia di Alessandria:

La fase fenologica dei cereali autunno-vernini in questo periodo dell’anno è l’accestimento, più o meno avanzato in funzione dell’epoca di semina e delle condizioni ambientali verificatesi successivamente.
Il nostro inverno è stato caratterizzato da temperature miti, al di sopra della media stagionale, motivo per il quale sia la coltura sia le infestanti si sono sviluppate più precocemente.
L’elemento fondamentale per i cereali in questa fase fenologica  è l’azoto.
Generalmente in questo periodo dell’anno l’assorbimento dell’azoto da parte dei cerali autunno-vernini è graduale e protratto nel tempo, l’ideale è concimare con del nitrato ammonico somministrando una quota pari al 40-60% dell’azoto totale previsto nell’arco di tutto il ciclo della pianta.
Successivamente sarà necessario procedere con una seconda concimazione nella fase di levata e solo per i frumenti di qualità e di forza, una terza concimazione nella fase di di botticella spigatura, determinante per la sintesi e l’accumulo di proteine.
Nonostante l’adozione di idonee misure agronomiche, (rotazioni colturali, lavorazioni, ecc.) fondamentale per limitare la comparsa di infestanti resistenti, sarà necessario intervenire tempestivamente con prodotti fogliari (DISERBI CHIMICI) per il controllo delle graminacee e dicotiledoni, facendo ricorso ad un unico trattamento di post-emergenza.
Si segnala un aumento della presenza di graminacee, soprattutto Lolium e Avena rispetto all’annata agraria 2015.
Sarà utile avvalersi di un'adeguata assistenza tecnica per valutare le varie tipologie di infestanti  e determinare il tipo di erbicida necessario, considerando che l’andamento climatico che si sta verificando è decisamente sfavorevole in quanto le numerose e ripetute escursione termiche potranno essere un problema per la piena efficacia del trattamento mantenendo anche la selettività del prodotto sulla coltura.